Il Lato positivo recensione film

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Lato positivo recensione film

TRAMA

Un film di David O. Russell. Con Bradley CooperRobert De NiroJennifer LawrenceJacki WeaverChris Tucker

Pat è stato rinchiuso in un ospedale criminale, dopo aver assalito l’amante della moglie, scoperti entrambi nella doccia. In questa situazione ha una crisi violenta di nervi, gli viene diagnosticato il biporalismo: un cambio di umore costante ed eccessivo, con alternarsi di gioia, nevrosi, crisi, depressione, attivismo!

Esce dopo 8 mesi con l’intenzione di  riconquistare la moglie Nikki, mettendosi in forma, ma senza prendere medicine adeguate che gli sono state assegnate.

Pat incontra Tiffany reduce da una recente storia di dipendenza da sesso e psicofarmaci. In cambio della sua intercessione presso Nikki, Tiffany vuole infatti che Pat le faccia da partner per un bizzarro concorso di ballo. E’ la danza che salva i due giovani e li avvicina!

Una storia che prenderà varie pieghe.

RECENSIONE

Questo film è un ‘alternarsi di emozioni piene e miste, in quanto passa da momenti di commedia pura, divertente ed ironica a tratti di emozione sconvolgente e drammaticità.

Con scenografia semplice: case private, garage per il ballo, ha come cornice dei protagonisti atti e sentimenti , volta a dimostrare che con impegno, amore e coinvolgimento, una persona nevrotica può trovare anche il suo giusto equilibrio, dalla nostra parte tutto questo visto, come detto prima, in un mix comico-drammatico.

Due emarginati che insieme riescono a trovare armonia e anche in un certo senso maturità al di sopra della propria famiglia, è semplicemente adorabile.

Non sono pazzi, ma l’amore e la vita hanno dato loro solo duri colpi che si sono riversati nella mente, facendoli diventare inabili nella società e nei rapporti.

Ma è bastata una semplice fiducia da entrambe le parti, un avvicinamento dell’anima, per farla risplendere di gioia e di vita.

Si passa dalla commedia, alla drammaticità e anche alla nevrosi e infine al romanticismo, senza che te ne accorgi, rimanendo avvolto nella storia fino alla fine.


Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.