Gomorra serie il finale

Condividi questo articolo

Gomorra serie il finale

Gomorra serie il finale

Siamo giunti a Gomorra serie il finale, agghiacciante, pieno di colpi di scena e con il preludio che ci sarà una prossima stagione.

Gli sceneggiatori e Sollima hanno costruito uno spettacolo eccelso, pieno di male e violenza e con un carico  di adrenalina e tensione.

Una conclusione a suo modo inaspettata per come si erano messe le cose ma comunque coerente con l’impianto narrativo e la natura dei suoi protagonisti.

Nell’11° episodio la faida è stata solo accennata, nel 12° è invece deflagrata in tutta la sua brutalità. Evento scatenante è stata la morte incredibile di Donna Imma. É stata lei a scoprire tramite una registrazione il piano di Ciro e le sue menzogne, lei a sacrificarsi per poter dare a suo figlio la migliore arma possibile per vendicarsi del suo ex amico.

In effetti si scontreranno alla fine, Ciro è convinto di averlo ucciso, ma negli ultimi secondi si vede che lui è ancora vivo.

Una guerra all’interno del clan e contro Salvatore Conte, rude, cattiva, ragazzini che con le pistole in mano sono diventati assassini agguerriti pronti ad uccidere il proprio sangue.

La guerra che tutti si attendevano si è scatenata, ma a scontrarsi non sono state le due famiglie rivali, ma vecchi e nuovi membri del clan Savastano

Ciro Di Marzio ha vinto la sua battaglia ed è diventato il nuovo boss del clan Savastano.

Ha salvato se stesso e ottenuto quello che voleva ma ad un carissimo prezzo, la perdita forse definitiva della sua famiglia e dei suoi cari.

Ma in tutto questo..Piero Sevastano detenuto al 41/bis che fine ha fatto.

Sembrava fosse diventato pazzo, non capiva più niente, non parlava, non camminava, non interagiva , quindi è stato predisposto il suo trasferimento presso il carcere psichiatrico, ma era tutto un piano per sfuggire, infatti da una parte il figlio viene ucciso e dall’altra Pietro riesce a scappare dal blindato aiutato da un suo braccio destro.

Cosa ci aspetterà nella prossima stagione


Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.