Girmi Yogurtiera JC70

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Girmi Yogurtiera JC70

Girmi Yogurtiera JC70

Ho ricevuto in regalo tempo Girmi Yogurtiera JC70 .

Serve per preparare lo yogurt in casa, circa un chilo.
Questa yogurtiera è molto semplice da usare, non è fornita di timer, ma non è necessaria questa funzione.

Ha una base riscaldante tramite energia elettrica .Si presenta con un contenitore circolare colorato (nel mio caso arancione) , un coperchio trasparente con una manopola girevole, sette vasetti di vetro con coperchio, bombati e una capienza di 15 cl ciascuno. Il resto del materiale è una plastica robusta.
Come la uso e cosa serve?
Innanzitutto è necessario il latte, è indifferente la tipologia: fresco, intero, parzialmente scremato.
Io li ho provati tutti e non ne sono rimasta soddisfatta inizialmente, infatti pensavo che potesse essere la yogurtiera a non produrre bene.
Ma poi ho fatto una prova successiva: nella mia terra è pieno di aziende agricole, io compro direttamente dal produttore vino, olio, formaggi e allora perché non il latte?
Quindi ho provato con il latte dell’azienda, pertanto privo di determinate schifezze, visto che mi fido.
Devo dire che il risultato è stato completamente stupefacente e diverso, migliore al 100%.
Certo il latte fresco, prima di utilizzarlo per lo yogurt, lo faccio bollire e raffreddare.

Il secondo ingrediente è il più importante : i fermenti lattici di farmacia oppure uno yogurt bianco naturale, io ho provato entrambe le opzioni comprando però quello magro bianco.
Miscelo gli ingredienti, nel caso dello vasetto va bene quello da 125, ma l’importante è che non lascio assolutamente i grumi, basta inserire il latte man mano nel recipiente scelto per la miscela.
Poi verso il contenuto nei vari vasetti che poso sulla parte riscaldante senza coperchi. Collego la spina alla corrente, copro il tutto con il coperchio trasparente, attraverso la manopola presente sulla parte superiore punto l’ora della preparazione lasciando passare quasi 10 ore.
La posiziono su un piano stabile, con qualche copertura dalla parte davanti per evitare che ci vanno i gatti, grandi curiosoni.
Dopo che è trascorso il tempo necessario, la crema che vedo all’interno dei vasetti è molto cremosa ed invitante, ma lo posso assaggiare dopo poco più di un ‘ora perche bisogna attendere che si raffreddino.
Anche se di solito li lascio nel frigo con il coperchio per farli solidificare un poco almeno per mezza giornata.
Per preparare il successivo yogurt, si può anche usare un composto dei vasetti.
Ora è necessaria la fantasia.
A volte lo mangio così al naturale con una punta di zucchero di canna, oppure inserisco al momento pezzettini di frutta, frutta a fette e sopra lo yogurt,o una classica macedonia.
C’è mia madre che spolverizza all’interno un poco di cacao magro, devo dire che è ottimo.
L’ho usato per le torte ed è eccezionale.
A volte ci mescolo i cereali, mandorle tritate…una vera bontà!
Mi trovo bene con questo strumento, lo uso spesso, non consuma troppa energia elettrica, il risultato è ottimo e a lungo andare si risparmia davvero, altro che comprare dal market.
Ci vuole poco tempo nelle manovre, magari è lunga l’attesa, ma ne vale la pena.
Per ora non ho ancora rotti i vasetti, ma so che in tal caso ci sono delle alternative.
Essendo un regalo non conosco il prezzo pagato, ma sono a conoscenza che è disponibile negli store anche on -line, al modico prezzo di Euro 20,00.
Se si rompe …lo compro.


Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.